CORSO GARIBALDI, 8 CASTELLAMMARE DEL GOLFO (TP) 91014
+39 3289547111
info@trinacriaservice.it

SCOPELLO E LA TONNARA DI SCOPELLO

Taxi e Transfer per Castellammare del Golfo

SCOPELLO E LA TONNARA DI SCOPELLO

L’ANTICO BAGLIO SICILIANO.

Scopello è un delizioso borgo marinaro, frazione del comune di Castellammare del Golfo.

Siamo nella Sicilia Occidentale, in provincia di Trapani, su una rupe rossa a 106 metri sul livello del mare.

STORIA DI SCOPELLO

Il suo nome curioso lo deve molto probabilmente ai due faraglioni o scogli, (in latino scopulus, in greco scopelos), simbolo della località.

Fondata dagli Èlimi, profughi troiani di passaggio in Sicilia, Scopello è stata sotto la denominazione greca, romana e poi normanna, fino a diventare Real Sito Borbonico.

Con l’Unità d’Italia è diventata, infine, frazione di Castellammare del Golfo.

Il borgo di Scopello, come lo vediamo oggi, è databile al XVII secolo ed è diviso in due parti.

Una parte centrale chiamata baglio, e una parte esterna dove spiccano la Piazza Nettuno con al centro ancora l’abbeveratoio e una piccola chiesa.

La parola baglio, ci evoca un tempo lontano.

Infatti l’etimologia di questo termine risale ai tempi dell’antica Grecia e racconta diversi significati.

Più vicino ai nostri tempi, in Sicilia il termine baglio (bagghiu) fa riferimento al cortile interno di una fattoria o a un piccolo forte.

Una costruzione tipica, qui, sull’isola che ci affascina incontrare.

Il baglio di Scopello è infatti un vero gioiellino che si espande intorno ad una corte dalla forma quadrata. Si varca la soglia del baglio passando sotto un arco che riporta la scritta Baglio Isonzo, e si è accolti all’ingresso da un enorme quercia secolare. La corte è resa vivace da diversi ristorantini, caffè, botteghe artigianali e prodotti tipici siciliani.

L’aria che si respira è profondamente calma e tranquilla. Qui il tempo sembra essersi arrestato.

Con poco più di un centinaio di abitanti, Scopello è un vero angolo di paradiso che conserva intatta tutta la sua unicità. Nei volti cavi dei pochi abitanti che si incontrano, nei vicoli solitari in cui è piacevole perdersi, nell’odore di “pane cunzato” che si respira nell’aria.

C’è un’atmosfera deliziosa per le sue strade, e anche d’estate, quando il borgo si anima di visitatori e villeggianti, è tutto un lento brulicare che non trasforma mai Scopello in un posto eccessivamente turistico.

PRENOTA CON NOI

 

Translate »
Open chat